L'interista Pasotti: "Mou faceva sognare, con Spalletti rivedo identità. Suning? Conosco bene i cinesi e..."

di Alessandro Cavasinni
Fonte: Tuttosport
articolo letto 3625 volte
Foto

Tuttosport ha intervistato Giorgio Pasotti, interista doc.Tema principale, ovviamente, la stracittadina di domenica sera.

Domenica si gioca il derby: come vede l'Inter in questo momento? 
"Direi che grazie a Spalletti c’è finalmente un’identità nella squadra. Del resto, i giocatori, più o meno sono gli stessi dell’anno scorso. Vedo una nuova determinazione e una nuova ambizione. Sembra quasi che la squadra entri in campo con la sola idea di vincere, non pensando nemmeno alla possibilità di un pareggio, figuriamoci di una sconfitta. Questo è già molto positivo per una squadra che deve ambire a certi risultati che non sono di certo quelli di arrivare quinti o sesti. L’Inter, con la storia che ha, ma anche per gli investimenti che sono stati fatti, non può che ambire ai primissimi posti della classifica". 

In estate alcuni tifosi sono rimasti un po' delusi per come si è mossa la società. Lei che conosce bene la cultura orientale cosa pensa dell'operato di Suning? 
"Io in Cina ho studiato all’università, diciamo che conosco bene le dinamiche della popolazione. Credo che per un orientale sia molto difficile capire quanta passione si celi dietro una squadra di calcio italiana. È ovvio che io guardi con un po’ di malinconia alla famiglia Moratti, che invece di passione (e non solo quella) per l'Inter ne ha spesa tantissima. Da parte della famiglia Zhang vedo un atteggiamento molto più distaccato, poi certo, una proprietà deve dare una grande organizzazione al club e investire del denaro. Mi sembra che quello sia stato fatto e quindi va comunque bene. Manca quel carico di passione che, secondo me, non appartiene alla loro idea del calcio". 

C'è un derby che ricorda con particolare piacere? 
"Tra quelli più recenti, i derby di Mourinho. Lui faceva davvero sognare, anche perché come guida era fantastico. Aveva creato un gruppo, con Zanetti, Cambiasso, Milito e tutti gli altri, veramente affamato di vittorie". 

È questa la stagione giusta per ricominciare a vincere?  
"L’allenatore sembra che abbia dato l’indirizzo alla squadra, i giocatori rispondono. Se i risultati continuano così, servirebbe qualche colpo a gennaio, che credo verrà fatto. Per me, l’Inter è un passo avanti rispetto al Milan che di giocatori ne ha comprati forse troppi, ha cambiato quasi tutta la squadra". 

Dove crede che arriverà l'Inter a fine campionato? 
"Dietro alla Juve e soprattutto al Napoli, che oggi come oggi è una squadra che mi diverte tantissimo: al di là di quello che farà in Champions, in Italia è quella più divertente e bella da vedere. Dopo Napoli e Juve, vedo Roma e Inter più o meno a pari merito, in zona Champions". 

Cosa pensa dell'introduzione del Var? 
"Mi chiedevo quando sarebbe arrivato anche nel calcio. In campo si vedevano scene orrende, capannelli di giocatori che si facevano sotto all’arbitro spingendo, strattonandolo, visivamente diseducativi. Nulla avevano a che vedere coi principi dello sport. Quindi il Var non solo è giusto, è doveroso". 


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI