Sacchi: "Proprietà cinesi in Serie A, la partenza non è stata buona. Speriamo non perseverino negli errori"

di Mattia Zangari
articolo letto 3361 volte
Foto

"Il nostro calcio, grazie a alcuni club, è diventato più ottimistico-orientato, rispetto al pessimismo che abbiamo sempre avuto nel nostro modo d’intenderlo. L'abbiamo sempre inteso come uno sport difensivo e come uno sport individuale, e invece i padri fondatori l’avevano pensato come uno sport offensivo e di squadra". Questa l'analisi fatta ai microfoni di Gianlucadimarzio.com da Arrigo Sacchi circa lo stato di salute del football italiano, nel quale da qualche anno sono entrate diverse novità, quali ad esempio due proprietari cinesi che hanno acquistato Inter e Milan: "I cinesi in generale sono meno affidabili degli italiani, però non tutti - ha spiegato l'ex tecnico del Milan -. Spero che quelli che vengono da noi siano tra quelli affidabili. La partenza non è stata buona! Sono state commesse evidentemente delle superficialità. Errare umanum est! È perseverare che è diabolico. Speriamo che lo capiscano".


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI