GdS - Champions, l'Inter ha finito i bonus. Spalletti come le romane: difesa a tre

di Redazione FcInterNews.it
Fonte: Gazzetta dello Sport
articolo letto 4077 volte
Foto

Tre squadre per due posti nella prossima stagione in Champions League (i primi due pass li prenderanno Juve e Napoli). "Tutto sommato all’Inter conviene che lo status quo sia rimasto tale, col pareggio Roma e Lazio sono ancora a tiro, un punto sopra - sottolinea la Gazzetta dello Sport -. Se una delle due avesse vinto, sarebbe balzata a più tre sui nerazzurri. L’Inter però ha esaurito il bonus, non può più permettersi pause di riflessione. Ha davanti a sé due partite facili, col Cagliari stasera a San Siro e domenica a Verona col Chievo, e deve vincerle, pena la probabile perdita di contatto col terzo-quarto posto. L’Inter da Natale a oggi ha campato di rendita, sugli interessi della prima parte di stagione. La classifica del girone di ritorno è lampante: nerazzurri intruppati a metà del gruppo, con 19 punti, addirittura dietro il Genoa".

E c'è la curiosità del passaggio al 3-4-2-1 da parte di Di Francesco e Spalletti. "Nella scorsa stagione la Roma di Spalletti aveva più volte battuto la pista del 3-4-2-1 e non è escluso che l’analogo sistema di Di Francesco contro il Barça abbia funzionato a mille perché buona parte della squadra ce l’aveva già dentro - evidenzia la rosea -. E per dirla tutta, bisogna riconoscere a Gasperini quel che è di Gasperini: da anni, non solo all’Atalanta, Gasp propone questa idea di calcio aggressiva, volta all’uno contro uno. Morale, il 3-4-3, incluse le varianti offensive 2-1 e 1-2, è diventata la nuova frontiera della corsa alla Champions. Anche la Lazio di Simone Inzaghi, schierata con un sistema che per convenzione definiamo 3-5-2, di fatto in possesso porta tre uomini sulla linea d’attacco. Dietro Ciro Immobile centravanti, si muovono Luis Alberto e Milinkovic-Savic".

VIDEO - ALLA SCOPERTA DI... - KAMAL BAFOUNTA, IL NUOVO POGBA


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI