SEZIONI NOTIZIE

J. Cesar: "Handa tra i top 5 al mondo, Inter sulla strada giusta con Brazão. Lo Scudetto? Spero presto"

di Andrea Pontone
Vedi letture
Foto

Protagonista della rassegna #LegendTakeover, attraverso il canale Twitter ufficiale di Fifa.com l'ex portiere nerazzurro Julio Cesar si racconta, rispondendo a molte domande poste da alcuni followers. Di seguito le sue dichiarazioni.

Ti sei trovato bene nella tua avventura al QPR (dal 2012 al 2014, subito dopo l'addio all'Inter, ndr)?
"Certo. Penso che la Premier League sia il miglior campionato al mondo. L'atmosfera, tra stadi e tifosi, è molto bella. Penso che ogni calciatore, se avesse l'opportunità, dovrebbe giocare in questo torneo: quando ricevi un'offerta dalla Premier non serve pensarci così tanto, bisogna accettare e basta".

Chi vorresti sia il successore di Handanovic tra i pali dell'Inter?
"L'Inter è già sulla strada giusta con Gabriel Brazão, un giovane portiere brasiliano che ha già firmato con i nerazzurri. Ora è in prestito".

Qual è stato il momento più bello della tua carriera?
"Non è facile sceglierne uno solo, perché ho vissuto molti momenti bellissimi. Ne scelgo due, quindi. Sono felice di aver avuto l'opportunità di giocare un Mondiale in Brasile con la maglia verdeoro, nel 2014: ricordo i rigori parati contro il Cile... Ovviamente il secondo momento più bello corrisponde alla vittoria della Champions League con la maglia dell'Inter: il raggiungimento del Triplete per il club è stato un grande orgoglio".

La tua parata più bella con la maglia dell'Inter?
"Su un tiro di Messi nella semifinale della Champions League 2009/10. Una parata tanto bella quanto importante".

E la più bella effettuata in Nazionale?
"Sicuramente penso al calcio di rigore parato contro il Cile ai Mondiali 2014".

Qual è stato l'attaccante più forte con cui hai mai giocato?
"Romário. Nessuno in campo poteva prendere decisioni in maniera così rapida, come lui. Dentro l'area era il migliore".

Cosa si prova ad essere il miglior portiere della storia del Flamengo?
"Non mi considero il miglior portiere della storia del Flamengo. Ma sono molto, molto orgoglioso di quello che ho fatto quando ho indossato i colori della mia amata squadra".

Come ti sei trovato con la maglia del Toronto?
"Nonostante abbia giocato soltanto tre mesi in MLS, posso dire che si tratta di una lega molto organizzata e professionale".

Il portiere più forte contro cui hai giocato?
"Ho affrontato dei mostri come Buffon, Casillas, Cech, Dida, Van der Sar... Se dovessi scegliere il migliore, direi Buffon: la sua carriera parla da sé".

Cosa ne pensi di Vlachodimos (portiere del Benfica, ndr)?
"Ha troppa qualità, l'ha dimostrato: non ho dubbi che da qui a poco possa raggiungere il livello dei più grandi portieri del Benfica".

Quando l'Inter tornerà a vincere la Serie A?
"Non lo so, devo essere onesto. Questa stagione è molto particolare. Spero presto, in ogni caso: amo l'Inter, i suoi tifosi se lo meritano".

Un tuo giudizio su Samir Handanovic?
"Per me è uno dei migliori cinque portieri al mondo, l'ha dimostrato in questi ultimi anni. Si parla poco di lui perché la Champions League ti esalta e lui per tanto tempo non l'ha giocata".

Chi era il tuo idolo d'infanzia?
"Taffarel. Da bambino desideravo di essere come lui".

Altre notizie
Martedì 31 Marzo 2020
14:48 Inter Social Club Lautaro continua il lavoro in casa: "Un'altra mattina che finisce" 14:34 Focus VIDEO - Coronavirus, Marotta: "Vinciamo se siamo squadra, come nel calcio. Il nostro ruolo è stare in casa" 14:20 News Marino: "Si va verso una crisi universale che si ripercuoterà su valutazioni e ingaggi" 14:06 Focus Il nostro Store online dei prodotti nerazzurri non si ferma: spedizione gratis 13:52 News Aiacs, Galli: "Il modello Juve non si può applicare incondizionatamente. E rispondo a Spadafora"
PUBBLICITÀ
13:38 In Primo Piano Barcellona su Lautaro e Neymar, Bartomeu: "Non parlo di nomi, faremo operazioni appropriate per il club" 13:24 Rassegna Albertini: "Priorità alla salute, Ffp da rivedere. La lite con Inzaghi? C'è una cosa che mi dà fastidio" 13:10 News Braida: "Lautaro da Barcellona, i catalani faranno il possibile per prenderlo" 12:56 Copertina Flamengo, Gabigol è costato 16,5 milioni di euro. Plusvalenza di 3,6 mln a bilancio per l'Inter 12:42 News Bayern, Rummenigge: "La prossima stagione al via in inverno. FFP? Norme meno rigide" 12:28 News Reja: "Importante terminare la stagione, anche a luglio. Lazio e Atalanta le più penalizzate" 12:14 Focus From UK - Inter, salta il riscatto di Sanchez. Ecco quanto è costato il cileno al minuto 12:00 Radio Nerazzurra Calendari, stipendi, calciomercato e la quarantena dei nerazzurri: tutta l'attualità su Radio Nerazzurra con 'FcInternews' 11:46 Focus O Jogo - Inter e Milan su Maximiano: derby di mercato per il portiere dello Sporting Lisbona 11:32 Rassegna Covid-19, Schnellinger: "Difficile pensare di ripartire e farlo a porte chiuse. Tanto vale non giocare" 11:18 Focus Gravina: "Superare il 30 giugno comporta delle riflessioni. Altri format? Cerchiamo nuove idee" 11:04 In Primo Piano Mundo Deportivo - Godin pensa all'addio: spunta il Valencia. Ma il passato all'Atletico è un ostacolo 10:50 Rassegna Covid-19, Reina contagiato: "Ho avuto paura, ora va meglio. In Spagna si sono mossi in ritardo" 10:35 Rassegna Muraro: "Rummenigge tra gli attaccanti più completi mai visti. Soffiargli un giovane dal Bayern? Sarà dura" 10:20 Rassegna Rama, primo ministro albanese: "Io juventino, ma da Mourinho ho imparato mentalità e strategia"