SEZIONI NOTIZIE

I media, Capello e l'accanimento anti-Inter: cui prodest?

di Alessandro Cavasinni
Vedi letture
Foto

La stagione volge al termine e finora non c'è nessuna big italiana che possa ritenersi completamente soddisfatta. Non può farlo la Juventus, che ha fallito il grande obiettivo europeo e che, rispetto agli anni scorsi, ha pure mancato il successo in Coppa Italia. Non può farlo il Napoli, che con Ancelotti in panchina aspirava certamente a qualcosa di più della conferma del secondo posto in Serie A, specialmente guardando alle coppe. Non può farlo l'Inter che, nonostante l'attuale terzo posto, proprio come il Napoli sperava in un percorso più duraturo in Europa. E non possono farlo nemmeno Milan e Lazio, deludenti per motivi diversi ed entrambe in attesa dell'esito finale della coppa nazionale. Senza dimenticare la Roma, la più negativa fra tutte. Insomma, a guardare bene, c'è poco da sorridere. Al massimo ci sarà chi avrà portato a casa il compitino, perché anche alzare la Coppa Italia difficilmente significherebbe andare oltre la sufficienza.

In tal senso, fa riflettere l'osservazione di Fabio Capello, che qualche giorno fa ha così sentenziato: "La mia principale delusione è stata l'Inter: mi sembrava l'anti-Juve, ho sbagliato. Si è persa per strada. Sul Napoli discorso diverso. Ha cambiato tecnico e Ancelotti ha cercato di modificare qualcosa, ma l’eliminazione dalla Champions ha lasciato il segno". E questo è solo un esempio di quanto spesso si legge sui giornali o si ascolta in tv. Perché questo accanimento? Perché spesso e volentieri il messaggio che viene veicolato è sempre anti-Inter? Passi l'uomo del bar, passi il tifoso distratto, ma chi è del mestiere non dovrebbe forse utilizzare maggior accuratezza nel giudicare un'intera stagione?

Qualora l'Inter dovesse centrare la conferma in Champions, sicuramente avrebbe raggiunto l'obiettivo principale. È chiaro che le eliminazioni dalle coppe e l'ampio margine dalla vetta non possano soddisfare dalle parti di Appiano Gentile, ma è altrettanto vero che – come ha spiegato Carlo Ancelotti – non è corretto parametrare il percorso in campionato in base alla Juventus, che ha fatto un torneo a parte. L'Inter, per ora, è terza. Dopo il quarto posto dell'anno passato e le macerie di quelli ancora precedenti, sarebbe oggettivamente un passo avanti. E poi andrebbero analizzati a dovere anche i modi con i quali la squadra di Luciano Spalletti è stata estromessa dalle coppe. Fuori in Champions soltanto per la regola dei gol fuori casa (peraltro nel girone più difficile della competizione); fuori dall'Europa League con la frustrazione di non poter mandare in campo una squadra accettabile (faticando ad arrivare a 11 effettivi nel ritorno con l'Eintracht manco fosse il calcetto del giovedì); fuori dalla Coppa Italia ai calci di rigore.

Si sarebbe potuto fare di più a livello generale? Certamente. Si sarebbe potuto prevedere un momento di crisi? Sì. Si sarebbe potuto operare diversamente sul mercato per ovviare a qualche assenza chiave? Forse. Detto questo, non bisogna perdere di vista la realtà. E la realtà ci dice che lo scudetto era una chimera, un trofeo europeo altrettanto. Obiettivi ragionevolmente fuori portata per la squadra attuale. Un rammarico vero potrebbe essere la Coppa Italia, ma uscire ai rigori contro la Lazio in un periodo opaco ci sta, non sembra essere un peccato mortale (anche considerando le modalità delle eliminazioni di Juve, Napoli e Roma, prese a sberle da Atalanta, Milan e Fiorentina).

E allora, concretamente, di cosa è accusata l'Inter? Fatichiamo a capirlo. Per queste ragioni, dietro alle continue critiche, scorgiamo miopia e, appunto, anche un certo accanimento. Quasi una consuetudine. Una moda. Cui prodest?

VIDEO - ALLA SCOPERTA DI... - GONZALO MONTIEL, IL RIVER HA SFORNATO UN NUOVO CAMPIONE


Altre notizie
Venerdì 19 Luglio 2019
00:00 Editoriale Gli italiani adesso sono scarsi. Gli altri fanno affari, l'Inter spende male
Giovedì 18 Luglio 2019
23:43 News Piraccini: "Sensi e Barella dimostreranno il loro valore. Lukaku non mi convince" 23:29 Ex nerazzurri Mihajlovic inizia la terapia al Sant'Orsola: contatti continui col Bologna 23:14 News Genoa, scelti i numeri di maglia: Pinamonti si prende la 99 23:01 News Miranda, visite speciali a Paranavai: "Orgoglioso di dire al mondo di essere di qui" 22:46 Ex nerazzurri Thiago Motta non molla il Psg: "Vorrei vincere la Champions con questo club" 22:32 News CorSera - Nuovo stadio, Inter e Milan si muovono: già contattati sei studi internazionali di architettura 22:19 In Primo Piano ESCLUSIVA - Sabbadini, ds Ravenna: "Grassini ci darà un contributo importante. Abbiamo chiesto Schirò" 22:04 News Bild - Kovac voleva Perisic al Bayern Monaco, no dei dirigenti 21:50 News Fonseca, altro avviso a Dzeko? "Sono esigente, chi non capisce avrà difficoltà a stare alla Roma" 21:35 News Inter e Nike insieme a Singapore: Gagliardini, Esposito, Barella e Politano incontrano i tifosi 21:22 News Juncker, ex allenatore Agoume: "Lucien come Pogba? Non vedo questa somiglianza" 21:07 News San Siro, Scaroni replica: "Le parole di Berlusconi? Ne ho parlato con lui, ha parlato il Silvio sentimentale" 20:53 Focus Ag. Llorente: "La Viola c'è, ma si sono mosse anche Lazio, Dea e Inter" 20:39 Inter Social Club Brazao, messaggio a Inter e Albacete: "Grazie per questa opportunità" 20:24 Inter Social Club VIDEO - La player cam dell'Inter su Barella: l'allenamento dell'ex Cagliari 20:10 News Bookies - Futuro Higuain, l'ipotesi Inter si gioca a 20 19:56 News Roma, 12-0 nel primo test stagionale: anche Dzeko in gol 19:42 Focus Bastoni: "È un onore per me rappresentare questi colori. Finalmente qui" 19:29 News Canovi: "Il Napoli compri Icardi, ma va messa a tacere Wanda"