SEZIONI NOTIZIE

FcIN - L'Inter (ma non solo) osserva la crescita di Pessina. Il ragazzo apprezza, deciderà l'Atalanta

di Simone Togna
Vedi letture
Foto

Dopo il 2-1 contro la Juventus gli occhi dei tifosi del calcio italiano si sono riversati sull’Hellas Verona. D’altra parte la squadra di Ivan Juric è forse la più bella sorpresa della Serie A. Con il monte ingaggi più basso della categoria e con calciatori che dimostrano la propria fame di vittoria e che sembrano davvero avere tutto per intraprendere una grande carriera. Non è un caso che Marash Kumbulla interessi a Inter, Manchester United e Napoli. O che la Fiorentina si sia già assicurata Sofyan Amrabat, altro profilo visionato dai nerazzurri. Ma attenzione: in questi mesi gli scout dei meneghini hanno inserito un altro nome tra quelli da valutare con attenzione: quello di Matteo Pessina. Gli 007 della Beneamata infatti, sia per monitorare dal vivo i progressi del giovane Eddie Salcedo, sia per esaminare i già citati altri tesserati degli scaligeri, hanno seguito da vicino le prestazioni dei ragazzi di Juric. E l’ex Milan, Monza e Lecce ha ottenuto svariati consensi. D’altra parte ha tutte le caratteristiche di un possibile colpo alla Beppe Marotta: giovane e di prospettiva, già forte e competitivo ma con ampi margini di miglioramento, con alle spalle varie esperienze nei campionati italiani.

L’evoluzione naturale della carriera di Pessina dovrebbe riportare il centrocampista all’Atalanta, squadra proprietaria del suo cartellino. Ma dopo l’affare Dejan Kulusevski ogni pista può essere percorribile. Quella di una (elevata) plusvalenza immediata per la Dea. O di un inserimento tra le fila dei bergamaschi, agli ordini di Gian Piero Gasperini, per una crescita tra le mura amiche nell'ottica di un ulteriore anno di apprendistato prima del definitivo grande salto. Dal canto suo il ragazzo sa benissimo che le big italiane stanno monitorando i suoi progressi - dal Milan alla Juventus, con i bianconeri, stando a sentire gli ultimissimi rumors provenienti da Torino, impressionati dalla gara disputata dal classe ’97 su Miralem Pjanic – ma sa perfettamente che montarsi la testa sarebbe l’errore più grande che potrebbe commettere.

Innanzitutto non c’è nulla di concreto e prima c’è un campionato da chiudere alla grande con l’Hellas Verona. Certo, le voci fanno piacere, significa che ci si sta disimpegnando bene. Ma il presente si chiama Hellas. Sarà invece Giuseppe Riso – agente del calciatore che tra l’altro ha ottimi rapporti con l’Inter – a dover lavorare sul futuro dell’atleta.

VIDEO - DAL BARATRO AL TRIONFO, IL MERAVIGLIOSO DERBY DI TRAMONTANA

Altre notizie
Venerdì 29 maggio 2020
08:00 News Cavani-Inter, Miccoli dice sì: "Lo vedo adatto agli schemi di Conte" 07:30 Ex nerazzurri Miangue, futuro in Eredivisie? Contatti con il VVV Venlo per l'ex Inter 06:30 News D'Aversa: "Fondamentale ripartire in sicurezza, con nuovi positivi sarà impossibile concludere il campionato" 05:30 News Sibilia: "Ripresa della Serie A sbocco positivo. Ora dobbiamo fare le riforme" 04:30 News Marcolin: "Mertens all'Inter sarebbe stato uno dei tanti. Cavani in nerazzurro? Si può"
PUBBLICITÀ
03:30 News Watford, Deeney: "Auguravano il virus a mio figlio. Ora torno in campo" 02:30 News Francia, il Tolosa ricorre al Consiglio di Stato dopo la retrocessione in Ligue 2 01:30 News Newcastle, l'acquisto da parte di un consorzio arabo frenato dalla "pirateria tv" 00:38 News L'Equipe - Inter, prime manovre per Lacazette. Ma il francese non è convinto 00:23 Focus TyC Sports - San Lorenzo, tanti club in fila per Adolfo Gaich: l'Inter si iscrive alla corsa 00:16 Rassegna Prima MD - Lautaro, l'Inter insiste con i 111 milioni ma il Barça ha l'ok del crack 00:05 Rassegna Prima Sport - Lautaro, l'Inter non si arrende: o clausola o niente 00:02 Rassegna Prima TS - Serie A: era ora! Lautaro-Barça, ultimatum Inter 00:00 Editoriale Perché non provarci?
Giovedì 28 maggio 2020
23:56 News Aic, Calcagno: "Orari? Non possiamo utilizzare lo slot del pomeriggio" 23:43 News Nicchi: "Ripartenza incoraggiante, speriamo di proseguire su questa strada" 23:29 L'avversario Qui Napoli - Lavoro di scarico a gruppi per gli uomini di Gattuso 23:14 Focus Berti: "Barella il mio erede, dominerà per 10 anni. Fossi stato un tecnico, avrei voluto Cavani" 23:00 News Ripartenza Serie A, Tommasi: "Restano delle criticità e speriamo di risolverle" 22:45 In Primo Piano Mintzlaff, Ceo Lipsia: "Werner non sarà meno caro. Non vendiamo nessuno a cifre sotto il loro valore"