SEZIONI NOTIZIE

Juve, Bonucci: "Le ultime due partite ci hanno ridato un entusiasmo che si era un po' perso"

di Andrea Pontone
Fonte: TuttoJuve.com
Vedi letture
Foto

Intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della gara di Champions League contro il Lione, Leonardo Bonucci - difensore della Juventus - ha rilasciato le seguenti dichiarazioni.

Come arriva la Juve a quest’appuntamento e com’è stato ritrovare Chiellini in squadra?
"La Juve ci arriva carica e determinata e con entusiasmo. Veniamo da due partite positive che hanno ridato quell’entusiasmo che si era un po’ perso. Siamo pronti per una grande partita contro una buonissima squadra. Ritrovare Giorgio è importante per tutto il mondo Juve. Giorgio è simbolo di carisma, leadership. Per me è sempre stato un onore e un piacere e da lui ho imparato tantissimo da lui".

Lione ti ha sempre portato fortuna, questo può essere il posto giusto per ritrovare entusiasmo?
"Questa è una città che mi riporta a mente tantissimi bei ricordi, sia con la Nazionale che con al Juve. È il posto giusto per dimostrare ancora una volta che quando arriva il momento che conta la Juve c’è. Noi abbiamo ottenuto gli ottavi di Champions con due partite d’anticipo, cosa che non era mai successo. Siamo primi in classifica in campionato e abbiamo pareggiato la semifinale d’andata di Coppa Italia. Sono risultati importanti poi non so cosa si aspettasse al di fuori dalla Juve, ma di più era difficile. Le nostre posizioni rispecchiano quelli che son i doveri della Juve. Ora inizia un momento importante che vogliamo vivere con entusiasmo".

Ci più spiegare cosa differenzia le vigilie buone da quelle cattive, da cosa si capisce se la squadra è pronta o no?
"Di solito sono sensazioni che vivi negli allenamenti. Sono energie che percepisci all’intento dello spogliatoi, l’anno scorso nell’amata dell’ottavo di finale ci hanno punito i dettagli. Eravamo una squadra meno esperta rispetto a oggi, da quell’esperienza siamo maturati. Quest’anno abbiamo un modo nuovo di interpretare le partite, quando vedi che nelle parigine vengono fatte le cose che si provano durante gli allenamenti tutto diventa più semplice".

Quando ti è capitato di pensare che fosse l’anno buono?  E cosa pensi quest’anno?
"L'anno in cui l’ho pensato di più è stato l’anno in cui siamo usciti col Bayern Monaco. Avevamo fatto una rimonta incredibile in campionato e avevamo ribaltato il doppio vantaggio a Monaco di Baviera. Se dovesse dirti un momento ti direi quello. Oggi sono positivo come tutta la squadra, c’è entusiasmo e siamo pronti per questo rush finale in tutte le competizioni. Anche l’allenamento di oggi mi lascia ben sperare".

A che punto è il processo di apprendimento?
"Le richieste del mister sono all’opposto di quelle di prima. Ora i movimenti sono coordinati di reparto e di squadra. Il processo sta continuando e sta migliorando sia nella gestione della palla che in fase difensiva. Chiaramente per implicare serve allenamento e giocare ogni tre giorni ce ne priva. Abbiamo iniziato questa strada consapevoli delle cose positive che poteva portare, non possiamo che migliorare".

Come cambia il tuo ruolo con o senza Chiellini in termini di responsabilità?
"Cambia perché con Giorgio posso guidare i più giovani con una chiamata. Siamo due a cui piace giocare a calcio ma anche parlare ai compagni e dare indicazioni. Quando si è in due diventa tutto più facile, con gli altri anche per una questione di lingua è meno semplice. Anche con De Ligt non è semplice, cerchiamo di dialogare in inglese ma è meno facile soprattutto nei momenti più caldi. Con Giorgio questi margini potremmo migliorali ulteriormente".

Altre notizie
Martedì 7 Aprile 2020
19:38 News Juve, Cuadrado: "Taglio stipendi, speriamo di poter essere d'esempio" 19:24 Ex nerazzurri Dacourt spiega: "Dalla Roma all'Inter perché mancava lo Scudetto da tanto tempo. Ho sempre amato le sfide" 19:10 News Nicchi: "Ripresa d'estate, a noi va benissimo. Senza Var? Non me ne frega niente" 18:56 News Repubblica - Ripartenza, due ipotesi estreme al vaglio: calendario solare e maxi-ritiro a Roma 18:42 News Covid-19, cala la curva epidemica: +2,3%. Sono 1.555 i nuovi guariti. Il bollettino della Protezione Civile
PUBBLICITÀ
18:28 Copertina Covid-19, novità per i contratti e le sessioni di calciomercato: le linee guida tracciate dalla Fifa 18:14 Focus Covid-19, la Uefa studia le modifiche del FFP: "Proposta nelle prossime settimane" 18:00 News Perinetti: "Chiesa-Inter, Conte potrebbe passare al 3-4-3. SMS, Lotito proverà a tenerlo" 17:46 In Primo Piano Lautaro, Inter pronta a ogni scenario: Marotta studia le prossime mosse e attende quelle del Barcellona 17:31 News Liga, accordo tra Rfef e Assocalciatori: in campo ogni 72 ore 17:17 News Sassuolo, Carnevali: "Giusto terminare il campionato, ma senza andare oltre luglio" 17:03 La Meglio Gioventù La Giovane Italia – Gaetano Oristanio, l’apprendista campione abbonato allo Scudetto 16:49 News Zambrotta e i terzini: "Prima difensivi, ma Dani Alves, Maicon e altri erano più attaccanti che difensori" 16:35 News Domenghini: "Dall'Inter al Cagliari, mi sembrava declassante. Contestai il presidente" 16:21 Focus From UK - Sanchez, Inter opzione preferita. Ma la permanenza è poco probabile 16:07 News Frosinone, Stirpe tuona: "Vie legali se la Serie B termina qui e il Frosinone non viene promosso in A" 15:53 News J. Valdes: "Conte ambizioso, diceva che il suo obiettivo era vincere la CL. Vidal si adatterebbe all'Inter" 15:38 Focus Antognoni: "Castrovilli il miglior talento italiano con altri due, ce lo teniamo stretto" 15:23 News Taglio stipendi calciatori, la nota dell'Aiac: "Dichiarazione della Lega estemporanea" 15:09 News Zenga: "Messi e CR7 nello stesso campionato? Sarebbe una bella sfida"