SEZIONI NOTIZIE

Sensi: "L'Inter un sogno che vivo con serenità, lavoriamo per lo scudetto. Mi trovo bene da mezzala, la rivalità con Barella è buona"

di Mattia Zangari
Vedi letture
Foto

"Mi aspetto tanto da me stesso, come sempre. Sicuramente l'attenzione sarà sempre la stessa, ho voglia di giocare, sono a disposizione del mister". Presentatosi in conferenza poco fa a Casteldebole, Stefano Sensi, uomo del momento in casa Inter, spiega le sue aspettative azzurre a due giorni dalla sfida all'Armenia valida per le qualificazioni a Euro 2020. Di seguito tutte le parole dell'ex Sassuolo raccolte da Tuttomercatoweb.com: 

La sua duttilità permette di impiegarla in più ruoli, ha detto Mancini. È d'accordo?
"Avere accanto giocatori tecnici come Jorginho e Verratti aiuta. A Sassuolo ho giocato regista, all'Inter gioco mezzala, posso giocare dove serve".

Qual è il ruolo che predilige?
"Ho sempre detto che il mio ruolo è il regista. Ma nel calcio moderno ci si scambia spesso i ruoli durante la partita. Con Conte all'Inter mi sto trovando molto bene a fare la mezzala".

Sembra difficile vederla insieme a Barella nell'Inter, magari in Nazionale è più facile.
"Non credo sia un discorso legato alla prestanza fisica. Con l'Italia abbiamo molto palleggio e poi ci sono giocatori difficili da tenere in panchina".

Quanto ha influito Conte per questa chiamata in azzurro?
"Sicuramente la sua mentalità fa migliorare, sento già di essere cresciuto soprattutto mentalmente".

Che partite si aspetta contro Armenia e Finlandia?
"Saranno gare difficili perché loro sono più avanti fisicamente e perché giocano in casa. Non dobbiamo sottovalutare gli avversari, nel calcio può succedere di tutto. Con concentrazione e cattiveria possiamo fare cose importanti".

Che differenza c'è nel lavorare con Mancini e con Conte?
"Le differenze sono molte, anche perché in Nazionale abbiamo meno tempo. Entrambi hanno una mentalità vincente e questo conta".

Una volta un allenatore disse che era meglio di Xavi e Iniesta. Oggi si ritrova in questa definizione?
"Sì, lo disse uno dei miei primi allenatori. Sono paragoni difficili perché parliamo di due dei centrocampisti più forti di tutti i tempi. Credo di avere caratteristiche adatte al calcio spagnolo, tutto qui".

È passato da Cesena ad essere un simbolo dell'Inter, è cambiata la sua vita. Come sta vivendo questa fase?
"Mi sono ritrovato in un mondo totalmente diverso. Per me arrivare all'Inter è stato un sogno ma sto vivendo con serenità e ambizione. Devo ringraziare anche per questo società e mister e compagni, tutti credono in me e così lavoro al meglio".

Come vive il dualismo con Barella sia all'Inter che in Nazionale?
"Io e Nicolò siamo grandi amici. È chiaro che avendo lo stesso ruolo siamo rivali ma è una rivalità buona, nessuno deve essere scontento di non giocare perché il bene della squadra è primario".

Icardi al PSG è una liberazione per la squadra, nel senso che una vicenda così pesante può influire?
"Noi abbiamo sempre lavorato per fare del nostro meglio. È una questione di cui si è occupata la società".

Più facile che l'Inter vinca lo scudetto o che l'Italia vinca l'Europeo?
"Lavoriamo nell'Inter per vincere lo scudetto e nell'Italia per vincere l'Europeo". 


Altre notizie
Sabato 19 Ottobre 2019
01:01 Rassegna Prima TS - Vidal chiama. Messaggio all'Inter: "Conte mostruoso" 00:25 Rassegna Prima CdS - Sensi, nuovo stop. Tegola Inter: ancora guai muscolari 00:00 Editoriale Sbagliato piangersi addosso. Ora testa bassa e pedalare
Venerdì 18 Ottobre 2019
23:57 News Inter, nuovo premio agli Inhousecommunity Awards 2019: Direzione Finanza e Amministrazione dell'Anno  23:44 Stats Sassuolo-Inter, nel famoso 0-7 del 2013 la sequenza di passaggi più lunga per un gol in A: 63
PUBBLICITÀ
23:29 Ex nerazzurri Oba Oba Martins torna a piroettare in aria su Instagram 23:15 News Contributi alle Federazioni sportive, alla Figc toccano oltre 6 mln di euro 23:00 Il resto della A Maltempo in Liguria, domani la decisione per Sampdoria-Roma 22:47 News Icardi ancora protagonista con il Paris Saint-Germain: titolare, assist e gol 22:32 News Canovi: "Se fossi stato il dg dell'Inter, avrei preso Zapata e non Lukaku" 22:19 News Eurorivali - Messi: "Io a vita al Barcellona, ma non per un contratto" 22:15 In Primo Piano VIDEO - Zanetti: "Suning proprietà dai valori umani importanti. Conte mai un nemico, porterà grandi risultati" 22:04 Stats Lautaro, il piccolo bomber: è il più giovane ad aver segnato almeno 8 gol dall'inizio della Serie A 2018/19 21:51 News Joao Mario: "Contento di aver aiutato la squadra a ottenere un'altra vittoria in campionato" 21:36 Focus Nuovo stadio, Inter e Milan: "Senza pubblico interesse, l'opzione San Siro smette di esistere" 21:22 News Joao Mario brilla ancora: il portoghese segna la prima rete con la Lokomotiv Mosca 21:09 Inter Social Club Asamoah: "Tornati in pista. Pronti per ricominciare" 20:55 News Eurorivali - Barça-Real, Tebas alla Federcalcio spagnola: "Chiedo di giocarla il 4 dicembre" 20:41 News Fiorentina, Pradè: "Il rinnovo di Chiesa? Le cose si fanno in due" 20:26 In Primo Piano Vieri: "Si sbaglia a dire che l'Inter deve vincere lo scudetto, ma deve lottare fino in fondo. Conte non ti fa mollare"