SEZIONI NOTIZIE

Sensi: "L'Inter un sogno che vivo con serenità, lavoriamo per lo scudetto. Mi trovo bene da mezzala, la rivalità con Barella è buona"

di Mattia Zangari
Vedi letture
Foto

"Mi aspetto tanto da me stesso, come sempre. Sicuramente l'attenzione sarà sempre la stessa, ho voglia di giocare, sono a disposizione del mister". Presentatosi in conferenza poco fa a Casteldebole, Stefano Sensi, uomo del momento in casa Inter, spiega le sue aspettative azzurre a due giorni dalla sfida all'Armenia valida per le qualificazioni a Euro 2020. Di seguito tutte le parole dell'ex Sassuolo raccolte da Tuttomercatoweb.com: 

La sua duttilità permette di impiegarla in più ruoli, ha detto Mancini. È d'accordo?
"Avere accanto giocatori tecnici come Jorginho e Verratti aiuta. A Sassuolo ho giocato regista, all'Inter gioco mezzala, posso giocare dove serve".

Qual è il ruolo che predilige?
"Ho sempre detto che il mio ruolo è il regista. Ma nel calcio moderno ci si scambia spesso i ruoli durante la partita. Con Conte all'Inter mi sto trovando molto bene a fare la mezzala".

Sembra difficile vederla insieme a Barella nell'Inter, magari in Nazionale è più facile.
"Non credo sia un discorso legato alla prestanza fisica. Con l'Italia abbiamo molto palleggio e poi ci sono giocatori difficili da tenere in panchina".

Quanto ha influito Conte per questa chiamata in azzurro?
"Sicuramente la sua mentalità fa migliorare, sento già di essere cresciuto soprattutto mentalmente".

Che partite si aspetta contro Armenia e Finlandia?
"Saranno gare difficili perché loro sono più avanti fisicamente e perché giocano in casa. Non dobbiamo sottovalutare gli avversari, nel calcio può succedere di tutto. Con concentrazione e cattiveria possiamo fare cose importanti".

Che differenza c'è nel lavorare con Mancini e con Conte?
"Le differenze sono molte, anche perché in Nazionale abbiamo meno tempo. Entrambi hanno una mentalità vincente e questo conta".

Una volta un allenatore disse che era meglio di Xavi e Iniesta. Oggi si ritrova in questa definizione?
"Sì, lo disse uno dei miei primi allenatori. Sono paragoni difficili perché parliamo di due dei centrocampisti più forti di tutti i tempi. Credo di avere caratteristiche adatte al calcio spagnolo, tutto qui".

È passato da Cesena ad essere un simbolo dell'Inter, è cambiata la sua vita. Come sta vivendo questa fase?
"Mi sono ritrovato in un mondo totalmente diverso. Per me arrivare all'Inter è stato un sogno ma sto vivendo con serenità e ambizione. Devo ringraziare anche per questo società e mister e compagni, tutti credono in me e così lavoro al meglio".

Come vive il dualismo con Barella sia all'Inter che in Nazionale?
"Io e Nicolò siamo grandi amici. È chiaro che avendo lo stesso ruolo siamo rivali ma è una rivalità buona, nessuno deve essere scontento di non giocare perché il bene della squadra è primario".

Icardi al PSG è una liberazione per la squadra, nel senso che una vicenda così pesante può influire?
"Noi abbiamo sempre lavorato per fare del nostro meglio. È una questione di cui si è occupata la società".

Più facile che l'Inter vinca lo scudetto o che l'Italia vinca l'Europeo?
"Lavoriamo nell'Inter per vincere lo scudetto e nell'Italia per vincere l'Europeo". 

Altre notizie
Venerdì 13 Dicembre 2019
22:15 News C. Zanetti: "L'Inter vorrà rifarsi dopo la Champions, per la Fiorentina sarà dura" 22:02 Giovanili Italia U16, da Bonucci a Semenza: sei nerazzurri nella lista del c.t. Zoratto 21:48 Inter Social Club L'Inter al fianco di Francesca Schiavone: "Il tuo ruggito un'ispirazione" 21:35 In Primo Piano FcIN - Dimarco, poco spazio all'Inter. Per lui c'è la fila: il Cagliari ci pensa per giugno, Verona e Genoa subito 21:20 News Facchetti: "A Firenze non è mai facile. Sono innamorato di Borja. Vecino? sempre stato determinante"
PUBBLICITÀ
21:06 News Gabigol eroe del Flamengo, la scommessa vinta da Braz contro i dirigenti che avevano dubbi 20:51 News Ancora riconoscimenti per Gabigol: questa volta per lui un premio istituzionale 20:37 Giovanili Primavera contro il Sassuolo, U18 a Roma: il programma del settore giovanile 20:22 News Scanziani: "Con la Fiorentina l'Inter avrà una grande carica. Alonso? Conte lo farebbe rendere al 100%" 20:08 News Daffe, visita speciale ad Appiano per il portiere vittima di razzismo in Eccellenza 19:53 News Bookies - Per i tifosi Inter corsara a Firenze. Gol del vantaggio: Lukaku e Lautaro in pole 19:39 Giovanili Primavera 1, Repace di Perugia dirigerà la sfida tra Inter e Sassuolo 19:25 In Primo Piano L'ambasciatore cinese Li Junhua in visita nella sede Inter: per Suning i complimenti anche dei politici italiani 19:10 News FIFA20 Top Of The Year, in nomination anche l'interista Milan Skriniar 18:56 News Juve, De Sciglio: "Non è scontato vincere lo scudetto. Inter e Lazio nostre concorrenti" 18:43 Da Appiano Verso la Fiorentina, quest'oggi allenamento in gruppi: lavoro sulla reattività 18:28 News Bazzani: "Inter, serve una punta di ricambio: dipendere solo da due è un limite" 18:14 News Champions League, i top club studiano la riforma: due proposte sul tavolo 17:59 News Riso: "Petagna può fare il vice-Lukaku. Dimarco? Stimato da Conte, rimarrà all'Inter" 17:45 News Tpo e Tpi, la Corte d'appello di Bruxelles ha respinto il ricorso di Doyen Sports Investments