SEZIONI NOTIZIE

Uva: "Il destino del campionato in mano alla Lega. Nessun vincolo ai playoff"

di Egle Patanè
Vedi letture
Foto

Il vicepresidente della Uefa, Michele Uva è stato intervistato in esclusiva da La Repubblica, intervista durante la quale ha analizzato l'emergenza che sta vivendo il mondo dello sport e del calcio, nella fattispecie quello italiano.

Cosa deve fare il mondo dello sport in questo momento?
“Sensibilizzare l’opinione pubblica al rispetto delle regole di comportamento fissate dai singoli Stati. Lo sport è trasversale e politicamente neutro, parla a tutti. Per questo è prezioso: lancia un messaggio che va oltre ogni polemica. Per il resto, molto di più non può fare. È tutto fermo ed è giusto che lo sia”.

Cosa cambierà nel mondo dello sport, e del calcio in particolare, dopo questa crisi?
“Penso ci sarà una grande voglia di normalità, e lo sport potrà essere un volano per riconquistarla. Potrà aiutare quel naturale rimbalzo del sentimento generale che si verifica dopo ogni crisi”.

Se fosse l’unico modo per riprendere a giocare entro l’estate, sarebbe favorevole alle gare a porte chiuse?
“In una logica di graduale ripresa del gioco, potrebbe essercene bisogno. Ma ricordiamoci che in Europa ci sono 55 diverse federazioni calcistiche e altrettanti governi nazionali. Sulla presenza del pubblico, ogni Paese si regola a modo suo. Noi al massimo potremo dare un indirizzo generale, non vincolante”.

Eppure in Serie A alcune squadre, che non hanno molto da chiedere al campionato, preferirebbero non tornare nemmeno a giocare.
“È una questione di cui dovranno occuparsi Lega di Serie A e Figc. Noi avevamo il dovere di permettere ai campionati di ripartire, se ci saranno le condizioni. Per il resto, come Uefa, l’unico aspetto che ci interessa direttamente è conoscere entro una data certa, che oggi è il 1° giugno ma sarà senz’altro spostata, quali squadre parteciperanno alle coppe per il prossimo anno. Quindi, che i campionati riprendano o no, alla fine ci servirà in ogni caso una classifica”.

Il tempo per arrivare in fondo è poco. Se non ci saranno date per portare tutto a compimento, fra coppe europee per club e campionati nazionali chi ha la precedenza?
“Ci sarà una perfetta integrazione. Ma nulla è deciso. C’è un tavolo di lavoro aperto fra noi, club e leghe che discute di calendari. L’obiettivo è chiudere tutto, ovviamente, anche se si dovesse ricominciare a giocare a maggio. Ma davvero non ci sono precedenze, si tratta di armonizzare le attività. In Italia, dove lo stop è arrivato prima, si dovranno giocare più partite che altrove e non sarà semplice. Ma ci stiamo lavorando”.

Finire entro il 30 giugno è così importante?
“Non per noi. È importante per i club: in quella data scadono i contratti dei giocatori. E ci sono migliaia di svincolati in Europa che hanno già firmato accordi per cominciare a giocare in nuovi club dal 1° luglio. Dovranno vedersela società e giocatori, anche con la Fifa. Una soluzione andrà trovata. Ritengo realistico che a luglio qualche partita si dovrà giocare, di campionato, di coppa o di entrambi”.

Immagina campionati decisi ai play-off?
“Non è vietato parlarne. Per regolamento, ogni singolo Paese può decidere come assegnare lo scudetto. Solo quest’anno, in quattro Paesi si è deciso di cambiare il numero di squadre, inserendo play-off e play-out. Non poniamo vincoli”.
 

Altre notizie
Martedì 31 Marzo 2020
15:17 News Sport - Kurzawa, non solo Inter: il francese offerto al Barça. Via Firpo? 15:02 News Lazio, Diaconale: "Chi dice che il campionato è morto provoca un danno ai club quotati in Borsa" 14:48 Inter Social Club Lautaro continua il lavoro in casa: "Un'altra mattina che finisce" 14:34 Focus VIDEO - Coronavirus, Marotta: "Vinciamo se siamo squadra, come nel calcio. Il nostro ruolo è stare in casa" 14:20 News Marino: "Si va verso una crisi universale che si ripercuoterà su valutazioni e ingaggi"
PUBBLICITÀ
14:06 Focus Il nostro Store online dei prodotti nerazzurri non si ferma: spedizione gratis 13:52 News Aiacs, Galli: "Il modello Juve non si può applicare incondizionatamente. E rispondo a Spadafora" 13:38 In Primo Piano Barcellona su Lautaro e Neymar, Bartomeu: "Non parlo di nomi, faremo operazioni appropriate per il club" 13:24 Rassegna Albertini: "Priorità alla salute, Ffp da rivedere. La lite con Inzaghi? C'è una cosa che mi dà fastidio" 13:10 News Braida: "Lautaro da Barcellona, i catalani faranno il possibile per prenderlo" 12:56 Copertina Flamengo, Gabigol è costato 16,5 milioni di euro. Plusvalenza di 3,6 mln a bilancio per l'Inter 12:42 News Bayern, Rummenigge: "La prossima stagione al via in inverno. FFP? Norme meno rigide" 12:28 News Reja: "Importante terminare la stagione, anche a luglio. Lazio e Atalanta le più penalizzate" 12:14 Focus From UK - Inter, salta il riscatto di Sanchez. Ecco quanto è costato il cileno al minuto 12:00 Radio Nerazzurra Calendari, stipendi, calciomercato e la quarantena dei nerazzurri: tutta l'attualità su Radio Nerazzurra con 'FcInternews' 11:46 Focus O Jogo - Inter e Milan su Maximiano: derby di mercato per il portiere dello Sporting Lisbona 11:32 Rassegna Covid-19, Schnellinger: "Difficile pensare di ripartire e farlo a porte chiuse. Tanto vale non giocare" 11:18 Focus Gravina: "Superare il 30 giugno comporta delle riflessioni. Altri format? Cerchiamo nuove idee" 11:04 In Primo Piano Mundo Deportivo - Godin pensa all'addio: spunta il Valencia. Ma il passato all'Atletico è un ostacolo 10:50 Rassegna Covid-19, Reina contagiato: "Ho avuto paura, ora va meglio. In Spagna si sono mossi in ritardo"