SEZIONI NOTIZIE

GdS - Tifo, mercato e mentalità: Inter, Conte conta già tanto

di Mattia Zangari
Vedi letture
Foto

L'Inter che sta nascendo è a immagine e somiglianza di Antonio Conte. Il suo arrivo - evidenzia la Gazzetta dello Sport - ha portato un deciso cambio di passo, come testimonia il successo della campagna abbonamenti, a un niente dal raggiungere il tetto delle 37-38mila tessere. L’entusiasmo di San Siro, va precisato, non è mai mancato ultimamente, le ultime due stagioni con Luciano Spalletti al timone della nave nerazzurra sono state super al botteghino, ma chiudere la vendita a giugno è un record. E il nome Conte c’entra eccome: di solito è il mercato che conquista i tifosi, ma stavolta è andata diversamente perché il top player nerazzurro è l'ex Chelsea e Juve, come ha detto recentemente anche Marotta.

L’allenatore - continua la rosea - è un grande traino del tifo ma anche per i giocatori: Stefano Sensi, il primo colpo della nuova gestione, non ha avuto dubbi: davanti alle parole del tecnico, il playmaker del Sassuolo ha trovato l’accordo per sbarcare nella Milano nerazzurra, cambiando sponda cittadina in fretta e furia dopo che sembrava tutto apparecchiato per il Milan. Poi ci sono quei giocatori che Antonio vuole a tutti i costi e hanno già detto sì al progetto: Lukaku, Dzeko, Barella.

Infine, c'è il metodo di lavoro riconoscibile: Conte in allenamento è un sergente, in campo si affiderà al collaudato 3-5-2, con interpreti nuovi e nerazzurri da reinventare. E i suoi leader chi saranno? Capitan Handanovic numero uno dello spogliatoio del post Mauro Icardi. Due nomi su tutti, però, potranno contare tanto come Samir, anche se nuovissimi nerazzurri. Godin è certamente uno, Dzeko sarà l’altro. Per entrambi un bagaglio di esperienza che servirà: d’altronde le 189 partite dei due nelle coppe europee non possono non pesare. 

VIDEO - LUKAKU IDOLO DEL BELGIO: TUTTI I GOL IN NAZIONALE


Altre notizie
Martedì 22 Ottobre 2019
10:20 Inter Social Club Lautaro cresce anche sui social, 2 milioni di follower su Instagram: "Grazie a tutti" 10:05 L'avversario Qui Dortmund - Sancho sì, Bürki forse. Resta ai box Paco Alcacer 09:56 Rassegna GdS - Nuovo stadio, club e Soprintendenza fanno 0-0. Diventa fondamentale la decisione del Comune sul pubblico interesse 09:45 L'avversario Dortmund, Favre: "San Siro test importante per capire a che punto siamo" 09:35 Rassegna TS - Tentazione Ibrahimovic? Marotta ha parlato in modo chiaro
PUBBLICITÀ
09:26 Rassegna CdS - Da Politano a Lazaro: le alternative non convincono 09:15 Rassegna CdS - L'Inter vuole sbloccarsi in Champions. E c'è un paradosso legato al finale col Sassuolo 09:04 Rassegna TS - Difesa attaccata dal 'virus trequartista': Conte cerca un antidoto immediato in vista del Dortmund 08:55 Rassegna GdS - Lukaku e Lautaro, intesa sempre più salda: nasce la LuLa 08:45 Copertina Joao Mario: "Alla Lokomotiv sto benissimo e ho ritrovato anche la Nazionale. L'Inter? Match equilibrato con la Juve, i dettagli poi fanno la differenza" 08:37 Focus TS - Lazaro deleterio col Sassuolo e adesso tutti si aspettano risposte. Darmian il 'salvagente'? 08:27 Focus TS - Verso il Dortmund: riecco Godin e Asamoah, Vecino più di Gagliardini. La probabile formazione 08:15 In Primo Piano Conte torchia il gruppo: vivisezionato il quarto d'ora finale di Reggio Emilia. Mai più pazza, Godin e Asamoah aiutano 07:30 News De Canio: "Lautaro come Milito: dopo l'adattamento sta facendo bene in A" 06:30 Giovanili Under 17 in Lussemburgo per gli Europei: tre i nerazzurri convocati 05:30 News Sconcerti: "Lautaro mi sembra più avanti di Lukaku. Attenti a quei due" 04:30 Giovanili Youth League, Inter-Borussia Dortmund sarà diretta dal serbo Grujic 03:30 Stats Inter... di rigore: era da maggio 2007 che i nerazzurri non segnavano due penalty con due giocatori diversi 02:30 News Arriva la Conference League, alcuni club preoccupati: "C'è il rischio di una mossa controproducente" 01:30 News Lotta al razzismo, Gravina: "Dobbiamo fare ricorso alla tecnologia"