Obinna: "All'Inter devo tutto, spero vadano in Champions. Mourinho? Mai trovato uno più preparato"

di Alessandro Cavasinni
Fonte: Gazzetta dello Sport
articolo letto 6608 volte
Foto

"All’Inter devo tutto perché nel 2008 mi ha portato in Italia. Spero che ce la facciano, in fondo le gare migliori le hanno fatte in trasferta. Certo che stavolta vanno in casa della Lazio di Inzaghi che per me è la rivelazione del campionato con l’Atalanta di Gasperini". Lo dice Victor Obinna, intervistato dalla Gazzetta dello Sport.

Detto da uno che ha lavorato con Mourinho, non è poco...
"Mou è il top. Mai trovato uno più preparato su tutto e capace di tirare il meglio da una squadra. Si prendeva tutta la pressione sulle spalle per lasciare il gruppo più tranquillo. E poi mi ha dato subito fiducia malgrado in rosa ci fossero tanti campioni. Non dimenticherò mai l’esordio da titolare con gol in un Roma-Inter".

Come non può dimenticare la doppietta con cui il suo Chievo nel maggio 2014 rovinò l’ultima gara in nerazzurro degli eroi argentini del Triplete, Cambiasso, Milito, Samuel e Zanetti.
"Che serata! Alla fine Ausilio venne da me e mi colpì scherzosamente sulla testa dicendo “ti rendi conto di cosa hai fatto, non uno ma due gol nella partita sbagliata”...".

Icardi si merita un posto al Mondiale?
"Di più non poteva fare, ma sappiamo bene che alla fine andranno i soliti Messi, Aguero e Higuain. Vista la rosa degli argentini, Mauro doveva nascere portiere... O in un’altra epoca. L’Argentina, che capita sempre nel girone della mia Nigeria, è tra le favorite a Russia 2018. Anche perché per Messi potrebbe essere l’ultima occasione".

VIDEO - ACCADDE OGGI - FESTA SCUDETTO AL MEAZZA, L'INTER FA TRIS AL SIENA (2009)


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy