SEZIONI NOTIZIE

Sensi-Inter, Drago: "Stefano pronto al salto. La sua duttilità un vantaggio per Conte"

di Mattia Zangari
Vedi letture
Foto

"Sicuramente Stefano è un giocatore di grandissima prospettiva. Ha dimostrato di saper ben figurare in una squadra molto organizzata come il Sassuolo e credo che sia arrivato il momento per lui di fare il salto di qualità". Ai microfoni di Tuttosport, Massimo Drago, ex tecnico di Sensi a Cesena, parla così del giocatore promesso sposo dell'Inter. 

Un tuttocampista per Conte: ma la sua posizione ideale qual è?
"Nel mio 4-3-3 giocava in mezzo al campo come playmaker. Lui ha questa grande qualità di farsi trovare sempre smarcato, riesce a giocare facile. È un giocatore un po’ spagnolo sotto questo punto di vista. Lo trovi da tutte le parti, sa sempre dove mettersi per fare la cosa giusta". 

Quanto sarà importante la sua duttilità per Conte?
"La sua duttilità sarà un vantaggio per Conte. Lui, dal centrocampo in avanti, può fare ogni ruolo. Per il palleggio che ha, lo vedo bene nel cuore del centrocampo, ma come dice lei, il fatto di essersi evoluto nel tempo lo ha portato a trovare anche tempi d’inserimento interessanti che gli hanno fatto segnare dei gol di bella fattura".

Vedrebbe bene un doppio playmaker con Brozovic? 
"Potrebbe ben funzionare. Possono fare questa rotazione. Nell’Inter ci sono tanti campioni e lui deve dimostrare di meritare il posto, anche se sono sicuro che con le sue qualità, riuscirà ad emergere anche in nerazzurro".

Secondo lei, il fatto che sia stato pagato così tanto, può essere un peso per lui?
"
Assolutamente no. A livello caratteriale è un freddo. È uno che non si fa trascinare dai facili entusiasmi. È come Federico Bernardeschi sotto questo aspetto. È un grande lavoratore, che pensa sempre a come migliorarsi in allenamento per rendere al meglio in partita la domenica. A Cesena lo prendemmo dal nulla, con Foschi che riuscì a rivenderlo per una bella cifra. Lui non avrà alcun problema legato ai discorsi di mercato".

E l’impatto con San Siro come sarà?
"Anche qui, non penso che avrà difficoltà a calarsi nella realtà. È normale che quando vai da avversario a San Siro è un conto, ma quando ce l’hai dalla tua parte, è uno stadio che ti può trascinare. E non dimentichiamoci mai che è in pianta stabile in nazionale, altro fattore non trascurabile che sta a indicare il suo spessore". 

VIDEO - LUKAKU IDOLO DEL BELGIO: TUTTI I GOL IN NAZIONALE


Altre notizie
Martedì 22 Ottobre 2019
09:56 Rassegna GdS - Nuovo stadio, club e Soprintendenza fanno 0-0. Diventa fondamentale la decisione del Comune sul pubblico interesse 09:45 L'avversario Dortmund, Favre: "San Siro test importante per capire a che punto siamo" 09:35 Rassegna TS - Tentazione Ibrahimovic? Marotta ha parlato in modo chiaro 09:26 Rassegna CdS - Da Politano a Lazaro: le alternative non convincono 09:15 Rassegna CdS - L'Inter vuole sbloccarsi in Champions. E c'è un paradosso legato al finale col Sassuolo
PUBBLICITÀ
09:04 Rassegna TS - Difesa attaccata dal 'virus trequartista': Conte cerca un antidoto immediato in vista del Dortmund 08:55 Rassegna GdS - Lukaku e Lautaro, intesa sempre più salda: nasce la LuLa 08:45 Copertina Joao Mario: "Alla Lokomotiv sto benissimo e ho ritrovato anche la Nazionale. L'Inter? Match equilibrato con la Juve, i dettagli poi fanno la differenza" 08:37 Focus TS - Lazaro deleterio col Sassuolo e adesso tutti si aspettano risposte. Darmian il 'salvagente'? 08:27 Focus TS - Verso il Dortmund: riecco Godin e Asamoah, Vecino più di Gagliardini. La probabile formazione 08:15 In Primo Piano Conte torchia il gruppo: vivisezionato il quarto d'ora finale di Reggio Emilia. Mai più pazza, Godin e Asamoah aiutano 07:30 News De Canio: "Lautaro come Milito: dopo l'adattamento sta facendo bene in A" 06:30 Giovanili Under 17 in Lussemburgo per gli Europei: tre i nerazzurri convocati 05:30 News Sconcerti: "Lautaro mi sembra più avanti di Lukaku. Attenti a quei due" 04:30 Giovanili Youth League, Inter-Borussia Dortmund sarà diretta dal serbo Grujic 03:30 Stats Inter... di rigore: era da maggio 2007 che i nerazzurri non segnavano due penalty con due giocatori diversi 02:30 News Arriva la Conference League, alcuni club preoccupati: "C'è il rischio di una mossa controproducente" 01:30 News Lotta al razzismo, Gravina: "Dobbiamo fare ricorso alla tecnologia" 00:33 Rassegna Prima CdS - Conte scuote l'Inter: il Borussia decisivo per andare avanti 00:00 Editoriale Ha ragione Gasperini