SEZIONI NOTIZIE

Quegli inutili discorsi su Lautaro

di Alessandro Cavasinni
Vedi letture
Foto

C'è stato un tempo in cui l'acquisto di Lautaro Martinez veniva messo in discussione. "Non sarà stato pagato troppo?", ci si chiedeva. "Diventerà mai uno da Inter?". I primi mesi di questa stagione hanno decisamente fugato qualsiasi tipo di dubbio, tanto tecnici quanto caratteriali. E, per la verità, già l'anno passato il talento dell'argentino era emerso con puntualità, quasi ogni volta che veniva chiamato in causa. Non ci voleva l'occhio dell'esperto migliore al mondo per capire di che pasta fosse fatto l'ex Racing. Ma si sa: quando si parla di Inter, la prima regola è insinuare il dubbio. Oggi, però, nessuno può evitare di sottolineare la 'pesca miracolosa' dei nerazzurri, che – su suggerimento provvidenziale di Diego Milito – nel gennaio 2018 sorpassarono la folta concorrenza e chiusero l'affare.

Ma la polemica resta viva, semplicemente si sposta il mirino. Ora è la volta di Luciano Spalletti, chiamato in causa dai detrattori di professione per il fatto di 'vederlo' poco. Discorso assurdo, che non tiene conto del fisiologico svezzamento verso un calcio del tutto nuovo e di tantissime altre variabili. Al contrario, se oggi Lautaro scala rapidamente le classifiche dei migliori bomber mondiali lo deve anche al lavoro del tecnico di Certaldo. Con buona pace di chi parla e sparla senza capirci un granché.

E allora non resta che l'ultimo appiglio, quello del "rischio scippo" da parte delle big di mezza Europa. Il Barcellona più di tutte, ma non solo: un giorno sì e l'altro pure, ascoltiamo narrazioni colme di timore per l'addio di Lautaro, sul cui contratto pende una clausola rescissoria di 111 milioni. Un gioco al massacro già sperimentato dai tifosi interisti negli ultimi anni con Milan Skriniar, e altri prima di lui. Una costante sensazione di incertezza instillata con modalità che rasentano il sadismo. Andrà via? Rimarrà? Lascerà l'Inter proprio ora che si è consacrato? Oddio! Paura! Beppe Marotta è stato piuttosto chiaro: "Devo dire che la posizione contrattuale non è compromettente, in primis perché è un bravissimo ragazzo, riconoscente all'Inter e non è in disagio. Poi perché anche questa proprietà ha dalla sua un obiettivo che è quello di crescere, e nella crescita non bisogna necessariamente rinunciare ai propri asset. Il mercato è imprevedibile, c'è sempre la volontà dei calciatori di scegliere il loro destino. Ma non parliamo adesso di trasferimenti o rinnovi, perché lui sa che stima abbiamo nei suoi confronti. È come se giocassimo tutti in casa, non c'è motivo di pensare a contrasti nel negoziare il contratto".

Poi è chiaro, c'è il solito discorso trito e ritrito: nessuno è incedibile. Non lo è Lautaro, non lo è Skriniar, non lo è Dybala, non lo è Immobile, non lo è Koulibaly, non lo è Pellegrini. Nessuno. Ma se qualcuno va, un altro arriva. La storia recente dell'Inter parla in modo limpido in tal senso, basti ricordare l'addio di Ibrahimovic o quello più recente di Icardi. Al di sopra di tutto c'è la società, con la sua strategia: sta lì il segreto del successo, non il singolo giocatore. L'attenzione va data alla Roma, al Barcellona, alla Fiorentina e poi al Genoa: le ultime, importantissime partite prima della sosta invernale. Tutto il resto sono inutili discorsi. Come quelli su Lautaro.

VIDEO - IL TORO ESALTA TRAMONTANA: DOPPIETTA DA URLO

Altre notizie
Giovedì 2 Aprile 2020
23:26 In Primo Piano Uefa e Eca a Federazioni, Leghe e club: "Ora la sospensione dei campionati sarebbe prematura e non giustificata" 23:12 News Giacomazzi: "Godin in Uruguay dopo l'ok dell'Inter. Sapevo che Vecino avrebbe potuto fare bene in Italia" 22:58 News Carù, il professore che curò Kanu: "Temeva di non poter più giocare. Moratti capì subito la serietà del problema" 22:43 News Galli: "Locatelli è un talento importante, credo sia adatto al gioco di Conte" 22:30 News Ask Candreva: domani video-intervista con l'esterno di Conte
PUBBLICITÀ
22:16 In Primo Piano Lukaku: "Con Lautaro ci siamo da subito capiti al volo. E per questo feeling Conte è stato importante" 22:03 Ex nerazzurri Covid-19, il messaggio di Cedric Soares: "L'Italia supererà questa sfida. Voglio vedere splendere le luci a San Siro" 21:49 News Adnkronos - Ripresa Serie A: si valutano il 24 e il 31 maggio. Tamponi a tutti i giocatori nei centri sportivi 21:35 Pagelle Pagelle a casa - Handa vendicativo, Eriksen cambia quarantena. Lautaro: voto in bilico. Ibra a caccia del virus 21:20 News Segre sponsorizza Locatelli: "Sarà un centrocampista da top team, non a caso si legge di Inter e Juve" 21:06 Focus La Figc ufficializza: sospensione dei campionati sotto egida federale fino al 13 aprile 20:51 News Zaccheroni: "La maglia del Milan pesa più di quella dell'Inter, servono giocatori esperti" 20:38 Focus Lo scopritore di Lautaro: "Giocatore di classe A. È un attaccante completo e forte nonostante l'età" 20:23 News Ventola: "Debuttai all'Inter con una doppietta, ma non festeggiai. Ecco cosa mi ha detto Thohir" 20:10 Accadde Oggi Il 2 aprile 1994 Ferri stabilisce un record: settimo autogol. Tutti nella porta di Zenga 19:55 News Maglie vintage più costose: sesto posto per la terza dell'Inter 97/98 19:41 News Botta e risposta Benzema-Giroud, Griezmann: "Olivier ci ha aiutato a vincere il Mondiale" 19:26 News Canovi: "La Fifa ha 6 miliardi di dollari in cassa, cominci a distribuirli alle Federazioni" 19:13 Radio Nerazzurra Special One - Inter-Milan del 1965, quando non c'era storia 18:58 News Benatia: "Critiche a Pjanic? Prima dell'Inter non era al massimo della forma"